Per la Scuola Pubblica

partiamo da Alghero

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Lauree all'aperto 2008

Corona

Viva la scuola pubblica! 

Mercoledì 17 Dicembre ore 17.00
Cortile dell’Asilo Sella

La Facoltà di Architettura, Architettura in Movimento e il Comitato per la Difesa della scuola pubblica di Alghero continuano la mobilitazione. La Facoltà di Architettura farà della cerimonia di proclamazione dei nuovi laureati un’iniziativa pubblica per segnalare, con la solennità del momento, la gravità della situazione per la Facoltà, l’Università e la scuola.

Laureati triennali e quinquennali si troveranno in un mercato del lavoro difficile, con molti sbocchi chiusi o ristretti dalla crisi esplosa in tutto il mondo; si troveranno di fronte a un taglio di fondi e di risorse in molti settori. Gli studenti della Facoltà si trovano già a fare i conti con una situazione gravosa, con una restrizione dei servizi, con la necessità di trovare nuove risorse: progetti di consolidamento e allargamento dell’offerta formativa sono in dubbio e in difficoltà. I tutores e i collaboratori precari si trovano in una situazione che rende sempre più improbabile la continuità di lavoro e remunerazione e le prospettive di nuove assunzioni.

Nonostante i disagi e le difficoltà anche questa sessione di Laurea si svolgerà regolarmente, ma all’aperto, nel cortile dell’Asilo: una prolusione del Preside illustrerà il senso della nostra protesta e aprirà la cerimonia di proclamazione, cui farà seguito l’intervento di un neo-laureato.

Alla cerimonia di proclamazione dei nuovi laureati invitiamo tutti: i cittadini, le istituzioni, i media.

Mercoledì 17 Dicembre ore 17.00, Cortile dell’Asilo Sella
Viva la scuola pubblica!

Scarica la locandina dell'evento


L’iniziativa si colloca all’interno delle attività di mobilitazione nazionale a difesa della Scuola Pubblica e fa seguito alla seguente MOZIONE firmata in assemblea pubblica il 3 dicembre:

L’Assemblea della Facoltà di Architettura conferma il proprio impegno nella mobilitazione in difesa della scuola pubblica e contro i provvedimenti del governo su scuola e Università.
L’Onda degli studenti, dei precari, dei docenti universitari e medi e il movimento degli insegnanti e dei genitori della scuola elementare sono ancora in azione: il fatto che il governo voglia andare avanti nel suo disegno di smantellamento della scuola pubblica, cercando con provvedimenti sciocchi e pasticcioni di dividere i diversi settori e i diversi gruppi, non ci farà cadere in trappola.
Il DL 180 è un provvedimento sgangherato e ideologico che, dietro l’apparente obiettivo di combattere i “baroni”, in realtà ne rafforza il potere (con il controllo pieno di tutte le commissioni di concorso e con il sostanziale blocco della carriera di ricercatori e Associati), che non restituisce il maltolto alle Università e che, al contrario di definire un percorso di riforma dell’Università, porta all’affossamento del ruolo del settore pubblico nell’istruzione superiore e alla sua privatizzazione: facciano attenzione baroni, duchi, principi e rettori compiacenti, a noi non basta qualche concessione apparente, condita con un po’ di retorica semplicistica.
La nostra mobilitazione è per avere, ora e soprattutto ora nella crisi e per poter fare i conti con essa, più fondi per la scuola e per l’Università: che la percentuale del PIL per istruzione, ricerca, formazione, educazione permanente cresca, almeno ai livelli europei.
La nostra mobilitazione è per avere una scuola di qualità (la scuola è aperta a tutti e per tutti deve avere la stessa qualità) capace di integrazione, multidisciplinarità, del rispetto dei tempi e dei percorsi, capace di stimolare e premiare le qualità.
La nostra mobilitazione è per misure concrete contro il precariato nelle Università e nelle scuole, per conquistare diritti irrinunciabili e definire percorsi seri, certi e onesti di promozione e reclutamento.
La nostra mobilitazione è per la dignità del lavoro, per la difesa dei diritti di tutti i lavoratori.

Per queste ragioni, l’Assemblea:

  • Fa proprie le idee e i principi del documento proposto all’Assemblea dell’Onda del 15-16 novembre e decide di aderire allo sciopero e alle manifestazioni del 12 Dicembre.
  • Conferma l’impegno di tutte le componenti della Facoltà nel Comitato per la scuola pubblica di Alghero.
  • Costituisce un gruppo di lavoro per definire i contenuti concreti di una piattaforma operativa. 

Scarica la locandina dell'evento

 

Blog "Alghero e dintorni"

Ancora sull'adozione dei libri di testo

 Una grande soddisfazione per tutto il mondo della cultura e per tutti i parlamentari dell'opposizione che a suo tempo si sono battuti con grande competenza e dignità (ma purtroppo senza possibilità di spuntarla in sede di votazione), presentando emendamenti che mettevano in guardia contro l'astoricità e l'ascientificità di "bloccare" per cinque/sei anni i contenuti dei libri di testo in un mondo in continua evoluzione

Un forte incoraggiamento a tutti noi, che crediamo in una scuola davvero educante, solidale, agganciata al territorio e ai suoi problemi - e alla lotta perchè questa bella scuola non venga smantellata pezzo per pezzo...

 
Evvai ! Sospesa la circolare n° 16/09 sull'adozione dei libri di testo

Ci scrive la collega Paola Arduini da Roma, sempre attenta e sollecita nel passare le informazioni: Il TAR "sospende" la circolare sui libri di testo e ordina al Miur di modificarne il testo - dal sito FLC-CGIL.

Leggi tutto...